I film su Wall Street con Michael Douglas o Leonardo Di Caprio hanno rappresentato la Finanza come un club dominato dal cinismo, dalla speculazione e senza alcun rispetto per gli altri.

Nell’ultimo Salotto abbiamo parlato, al contrario, di Finanza Sostenibile, una finanza vicina all’ambiente, al sociale, alle pari opportunità e favorevole nel mostrare in tutta trasparenza i propri meccanismi.

Abbiamo introdotto il fenomeno “E.S.G.”, una sigla che sta per “Ambiente, Sociale e Governo”.

ESG può essere considerata come una certificazione green per la singola impresa che esercita la sua attività nel rispetto dell’ambiente, con un uso di energia pulita in sostituzione di quella fossile, con attenzione agli sprechi, alla riduzione delle emissioni inquinanti e, cosa importante, una gestione attenta nello smaltimento dei rifiuti.
Un’altra caratteristica delle imprese ESG riguarda la politica delle pari opportunità, con una grande attenzione ad avere in squadra Consiglieri e Manager in rosa.
L’ultimo punto è un focus sull’etica e trasparenza aziendale, sui processi di controllo interni e sulla retribuzione dei Manager.

Perché abbiamo introdotto questo argomento?

Alcuni grandi della Terra pensano che ridurre l’inquinamento significhi anche ridurre la crescita mondiale, ma per fortuna non tutti sono d’accordo.

L’inquinamento è una delle maggiori cause del cambiamento climatico con temperature che nei mesi estivi sono diventate sempre più estreme rispetto alle medie, causando eventi atmosferici violenti e distruttivi, di conseguenza con un impatto economico molto forte e con numerose vittime.

Nel 2015 a Parigi è stato firmato un accordo giuridicamente vincolante sul clima, adottato da 195 paesi. L’obiettivo è quello di tenere il riscaldamento climatico globale entro 2 gradi.

Gli Stati Uniti hanno deciso, sotto la presidenza Trump, di uscire da questo accordo. Ed è facile pensar male: lo scioglimento dell’Artide sta portando alla luce un nuovo eldorado per gas e petrolio e gli Usa saranno tra i maggiori beneficiari di questi giacimenti.

In quest’ottica, la Finanza Sostenibile può rappresentare un volano di aiuto al mondo in cui viviamo, non a caso, Morningstar, una delle maggiori imprese che si occupano di analizzare fondi ed Etf, fa una valutazione di sostenibilità e assegna in determinati casi un rating social, che non viene dato in stelle, ma in globi, proprio per sottolineare l’importanza di questi investimenti nel futuro del Pianeta.

Gli investitori, comunque, non mettono il loro denaro nelle imprese certificate ESG soltanto per questo.

Il fenomeno della Finanza Sostenibile è, infatti, in continua crescita come mostra l’immagine successiva, anche se, va precisato, la strada da fare è ancora molta se paragoniamo i capitali mossi da questo tipo di finanza rispetto alla capitalizzazione della principale azienda di Wall Street, Apple Inc.

Se non visualizzi correttamente le immagini ti invito ad aprire la pagina su un altro browser.

In ogni caso, quello che abbiamo notato negli ultimi 10 anni, è che le aziende con focus ESG hanno avuto performance uguali o superiori al mercato, con rischiosità analoga o più bassa. In più, in questo tipo di aziende, è sensibilmente minore il rischio relativo a scandali politici, finanziari o di essere coinvolti in controversie che possano inficiare notevolmente il valore della capitalizzazione di mercato, con un importante danno per l’investitore.

Ti saluto aggiungendo alla mia lista di best practice la diversificazione del proprio portfolio tenendo conto dei principi ESG, perché sono convinto che sia necessario uno sforzo comune per consegnare ai nostri figli e nipoti un mondo più sostenibile e quindi più vivibile.

 

Un corretto approccio al proprio portafoglio:

  1. Dividi il tuo patrimonio tra risparmio (destinato ad essere speso velocemente) ed investimento (destinato ad essere valorizzato nel tempo);
  2. investi secondo il tuo profilo di rischio;
  3. stabilisci obiettivi e durate;
  4. diversifica il portafoglio tenendo dei principi ESG;
  5. tieni conto che il valore di immobili e redditi è spesso condizionato dall’andamento domestico;
  6. se trovi qualcuno che non ti parla di rischi e ti fa facili promesse sui rendimenti rileggi i punti precedenti.