Mentre Ti scrivo i principali titoli di stato del mondo hanno rendimenti negativi reali salvo scadenze lunghissime.

 

La difficoltà di dare un rendimento ai propri risparmi lo si nota dalla grande quantità di denaro depositata sui conti correnti e questo ha fatto correre ai ripari qualche banchiere che ha dichiarato che nei prossimi mesi potremmo assistere all’applicazione di tassi negativi sulle giacenze di conto.

Non so se arriveremo a questo, Messina di Intesa ha dichiarato che il gruppo non si adeguerà all’applicazione dei tassi negativi, è vero che il momento è molto particolare.

In Danimarca si è assistito al primo mutuo dove il capitale rimborsato sarà inferiore rispetto al capitale ricevuto.

Una potenziale soluzione per ricercare rendimento è l’investimento nel mondo dei mercati privati, con transazioni finanziarie che non transitano dai mercati quotati maggiormente noti.

Perché investire nei mercati privati?

Ci sono molte aziende che non sono quotate sui mercati con brand famosissimi. In Italia abbiamo l’esempio della Ferrero.

Stiamo assistendo nel mondo, rispetto agli anni passati, alla fine della corsa alla quotazione, anzi molto aziende hanno deciso di uscire dai listini azionari.

L’imprenditore di un’azienda non quotata non ha la necessità di mostrare trimestralmente i propri dati, può investire per dare maggior valore alla sua azienda nel medio lungo periodo.

I fondi che investono in mercati privati fanno una selezione fortissima sulle aziende dove investire.

L’investimento nei mercati privati dà valore nel tempo e remunera il fatto che l’investitore accetti di privarsi di quei capitali per un periodo medio lungo.

I ritorni storicamente sono molto interessanti e superiori a quelli dei mercati quotati.

 

Un vantaggio di questa tipologia di investimenti è che si evita di disinvestire nel momento più sbagliato, non tanto per necessità finanziarie, ma per ansia da mercati.

L’azienda con la quale collaboro propone in questi giorni un investimento di questo tipo. Lo fa normalmente una volta l’anno.

Se vuoi saperne di più non esitare a contattarmi.

Un cordiale saluto ed appuntamento con la nuova newsletter.